La Gran Bretagna non è leader nella sicurezza nucleare

La Gran Bretagna non è leader nella sicurezza nucleare

È stato riportato come, in occasione del vertice mondiale sulla sicurezza nucleare a Washington, David Cameron abbia affermato che, insieme agli Stati Uniti, “la Gran Bretagna sia un esempio in materia di sicurezza nucleare per quanto riguarda gli impianti, i trasporti ed i materiali” (i leader mondiali si sono incontrati per pianificare uno scenario sul nucleare, il 2 aprile scorso).

Purtroppo, la verità è diversa; David Cameron ed i suoi ministri si illudono se credono a questo.

Nel mese di gennaio l’autorevole Nuclear Threat Initiative (NTI) – la cui missione è di rafforzare la sicurezza globale, riducendo il rischio nell’uso e prevenendo la diffusione di armi nucleari, biologiche e chimiche – ha pubblicato la sua valutazione annuale sulla sicurezza nucleare in tutto il mondo. Tra i paesi che possiedono materiale nucleare utilizzabile per gli armamenti, il Regno Unito si è posizionato nel fondo della classifica, al di sotto della Corea del Nord – 17° classificato – superato da Argentina e Australia (gli Stati Uniti e la Russia si sono piazzate al 19° posto).

Mohamed ElBaradei, premio Nobel per la pace ed ex segretario generale dell’International Atomic Energy Agency, ha detto che il NTI “è un modello di partenariato pubblico-privato su questioni di sicurezza e di sopravvivenza… NTI è stato un apripista”. La sua valutazione dovrebbe pertanto essere rispettata.

THEFT RANKING-COUNTRIES WITH WEAPONS-USABLE NUCLEAR MATERIALS

Source: NTI, Nuclear Threat Initiative. Overall and category scores and ranks for 2016 are shown. All countries are scored 0-100, where 100 = most favorable nuclear materials security conditions

 

Fonte: The Guardian

Data: Aprile 2016

Leggi l’articolo in inglese

Leggi il report NTI in inglese


Tags assigned to this article:
nuclearesicurezza

Articoli correlati

I costi sociali dei cambiamenti climatici sono sottostimati

Il danno economico causato da una tonnellata di emissioni di CO2, spesso definito come il “costo sociale del carbonio”, potrebbe

I ghiacci perenni dell’Artico dimezzati nell’ultimo secolo

La calotta artica si è dimezzata nell’ultimo secolo e la velocità con cui si ritira è aumentata dagli anni ’70

Dal disastro nucleare all’energia pulita: Fukushima punta sulla geotermia

Cinque anni fa Fukushima divenne nota al mondo per il terremoto-maremoto che si abbatté sulla centrale atomica Daiichi, causando il