La svolta di Xi: dal 2017 la Cina cambia aria

La svolta di Xi: dal 2017 la Cina cambia aria

L’abbraccio tra i due giganti, alla fine, è stato inevitabile. «Le relazioni tra i due Paesi hanno fatto progressi storici», ha detto l’ospite, il presidente cinese Xi Jinping, nella sua prima visita di Stato alla Casa Bianca. «Collaborazione» con tanto di «confronto franco sulle differenze», ha rimarcato il padrone di casa, l’americano Barack Obama. E i due giganti – dopo essersi fiutati a distanza e guardati in cagnesco per molto tempo – possono sventolare i primi risultati di quella che è sembrata la prima prova generale di una leadership a due.

La “svolta verde” – tema affrontato da papa Francesco nel colloquio con Obama e davanti all’Assemblea Onu – è il primo capitolo della «cooperazione» di cui ha parlato Xi. «Quando Cina e Stati Uniti lavorano insieme il mondo è più sicuro», gli ha fatto eco Obama che ha comunque auspicato maggiore «correttezza sul piano della competizione commerciale e più «rispetto» dei diritti umani. Ma anche gli altri dossier scottanti – isole contese e cyber-spionaggio – hanno trovato la loro “sistemazione”, almeno a livello di annunci. I due Paesi si sono impegnati a «non condurre e non sostenere cyber-furti» di segreti aziendali. Obama ha quindi annunciato l’avvio di «nuovi canali di comunicazione» per evitare «incomprensioni» e «errori di calcolo» tra le due forze militari nel Pacifico. È l’ambiente il “piatto forte”.

Pechino varerà nel 2017 un programma per ridurre i gas serra e fisserà i prezzi per un sistema nazionale di compravendita dei diritti di emissione di CO2. La decisione, come ha anticipato il New York Times, fa parte dello sforzo «ambizioso» di Cina e Usa «di utilizzare il proprio ascendente internazionale per far fronte al cambiamento climatico ed esercitare pressione sulle altre nazioni affinché si uniformino».

Il sistema che applicherà la Cina si chiama “cap-and-trade”: il governo fissa un limite alla quantità di emissioni inquinanti; nel caso non arrivino a quel limite, le aziende possono vendere i loro permessi di inquinamento, oppure in caso contrario acquistarli. Le aziende più inquinanti possono in questo modo continuare a inquinare più del permesso, purché il livello generale delle emissioni rimanga entro il limite fissato. Quella della svolta verde è il “tema” sul quale i due Paesi hanno maggiormente scommesso. In occasione della visita di Obama a Pechino, lo scorso novembre, la Cina si impegnò a raggiungere il livello massimo di emissioni nel 2030 per poi cominciare a ridurle; mentre gli Usa ridurranno le emissioni entro il 2025 tra il 26 e il 28 per cento rispetto ai livelli del 2005.

Una scelta quasi obbligata. Perché la Cina rischia la catastrofe ambientale. Pechino è il primo responsabile al mondo per emissioni di anidride carbonica, “colpevole” di un terzo delle emissioni di gas a effetto serra del pianeta e nella poco invidiabile classifica delle venti città più inquinate al mondo – come riporta il Council on foreign relations – ne piazza ben sedici. Il consumo energetico del gigante asiatico è cresciuto del 130 per cento nel decennio che va dal 2000 al 2010.

Vox_emissions

Fonte: Global Carbon Project

 

Fonte: Avvenire

Data: Ottobre 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambienteCinapolitiche energeticheStati Uniti

Articoli correlati

La polemica dei sussidi ai combustibili fossili

Le tensioni economiche per la riduzione dei sussidi ai combustibili fossili sono sempre più forti. Secondo le stime dalla IEA,

G7 agricoltura, “500 milioni di persone fuori dalla fame entro il 2030″

500 milioni di persone fuori dalla fame entro il 2030 attraverso impegni concreti dei 7 Paesi. È questo l’obiettivo che

Erg abbandona il petrolio e punta alle rinnovabili

Alla soglia dei suoi ottant’anni di storia industriale Erg, fa un ulteriore e definitivo passo verso le fonti rinnovabili, lasciandosi