L’aumento di emissioni di gas serra nel 2015 si è fermato

L’aumento di emissioni di gas serra nel 2015 si è fermato

L’annuale rapporto statistico della compagnia petrolifera BP conferma che nel 2015 l’aumento delle emissioni di gas serra si è fermato: c’entra il rallentamento economico, ma il peso maggiore è della decarbonizzazione del sistema energetico.

Come si intuisce dai vari report sul clima e dalle notizie che arrivano dall’Artico, evidentemente non sta accadendo abbastanza in fretta, ma il cambiamento del sistema energetico mondiale procede. Lo mostra il dato sulle emissioni 2015 rilanciato dalla nuova edizione dello “Statistical Review of World Energy” di BP, un report zeppo di dati sull’energia mondiale che ogni anno pubblica la multinazionale petrolifera.

Bp corregge lievemente il dato diffuso nei mesi precedenti dalla IEA, ma lo conferma nella sostanza: nel 2015 abbiamo emesso più o meno la stessa quantità di Co2 del 2014 e poco più che nel 2013.

Escludendo il 2009 anno culmine della recessione globale, la crescita della Co2 dello 0,1% dell’anno scorso è la più bassa dal 1992. Un deciso cambio di rotta rispetto agli ultimi 10 anni che hanno visto un aumento medio annuo dell’1,5%.

Ma da cosa è dipeso questo calo? Congiuntura o cambiamento strutturale. Secondo il report entrambe le cose: è in parte la “naturale conseguenza della bassa crescita dell’economia”, ma soprattutto “riflette i miglioramenti in termini di efficienza e la variazione del fuel mix”. Il grafico qui sotto rende bene l’idea di quanto hanno contribuito i diversi fattori e le diverse economie a frenare le emissioni:

Fattori_riduzione_emissioni_BP_2016

Come si vede dal grafico a sinistra, il rallentamento dell’economia (GDP, cioè Pil nel grafico) ha avuto un suo ruolo, ma il grosso della riduzione dei gas serra avutasi nel 2015, rispetto alla media degli ultimi dieci anni, è stato merito del calo dell’intensità energetica (cioè del fatto che produciamo la stessa ricchezza consumando meno energia) e del cambiamento del mix energetico, cioè del fatto che usiamo meno combustibili climalteranti come il carbone e più fonti pulite come le rinnovabili.

Centrale, come si nota dal grafico sopra (parte destra), il ruolo della Cina, dove nel 2015 le emissioni sono diminuite per la prima volta in vent’anni (-0,1%). Questo da un lato riflette una minore intensità energetica nell’economia del gigante asiatico e una riduzione della dipendenza dal carbone, dall’altro può essere causato anche da elementi meno strutturali, come la contrazione registrata in alcuni settori energivori.

A livello globale, l’analisi rileva che la domanda di energia è cresciuta lo scorso anno dell’1%, valore appena più basso del 2014 (+1,1%) ma ben al di sotto della media dell’ultimo decennio (+1,9%). Come si vede dal grafico qui sotto però è calata molto l’intensità energetica, cioè il rapporto consumi energetici/Pil:

Andamento_energy_intensity_mondo_BP_2016

Escludendo anche in questo caso il 2009, anno della crisi economica globale, il tasso di crescita dei consumi del 2015 è il più basso dal 1998, ed è quasi totalmente ad appannaggio dei Paesi emergenti, dove si concentra ormai il 58,1% della domanda.

Interessante poi l’evoluzione delle varie fonti, riassunta nel grafico qui sotto. Come si vede crescono petrolio, gas e rinnovabili e cala il consumo di carbone.

Variazioni_combustibili_BP_2016

Fonte: Qualenergia.it

Data: Giugno 2016

Leggi l’articolo

Leggi il report di BP


Tags assigned to this article:
emissioniinquinamentopolitiche energetiche

Articoli correlati

L’Ue ratifica l’accordo di Parigi sul clima

L’Unione europea ha ha ratificato l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Il trattato Onu è stata approvato dai ministri dell’ambiente riuniti

La centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure chiude i battenti

Sempre più nero il futuro del carbone. Il CdA di Tirreno Power ha annunciato la chiusura della centrale a carbone di

Enel: addio al carbone e apertura alle rinnovabili. Pace fatta con Greenpeace?

Enel è pronta alla svolta verso le rinnovabili? Si è svolto a Roma un incontro importante tra una delegazione Enel guidata da