Le 4 nazioni al mondo ormai al 100% rinnovabili

Le 4 nazioni al mondo ormai al 100% rinnovabili

Islanda, Costa Rica, Norvegia e Paraguay quattro paesi che stanno dimostrando al mondo intero come sia possibile utilizzare quasi esclusivamente energie rinnovabili per rifornire di energia elettrica famiglie e aziende. Una scommessa che le ha portate a essere vicino al traguardo 100 per cento rinnovabili grazie a un mix energetico costruito su misura e legato alle caratteristiche specifiche del proprio territorio.

Islanda, la geotermia per il 90 per cento delle famiglie

In Islanda quasi tutta l’energia elettrica proviene da fonti energetiche rinnovabili. Il 73 per cento di quella utilizzata viene prodotta dalle centrali idroelettriche mentre il 27 per cento circa proviene dalla geotermia. È quest’ultima la fonte che più viene utilizzata dalle famiglie che, per il 90 per cento, riscaldano le proprie case attraverso l’acqua calda geotermica. Attraverso un sistema di condotte, l’acqua proveniente dal sottosuolo viene convogliata e portata dentro le case. Un sistema rodato che gli islandesi hanno attuato per primi nel mondo e che ha contribuito a trasformare una società povera e dipendente dal carbone in una che attualmente gode di standard di vita elevati.

Costa Rica, addio ai combustibili fossili per diventare carbon free

Gli abitanti in Costa Rica sono quasi 5 milioni e il loro fabbisogno energetico è stato calcolato essere circa 30 volte inferiore a quello italiano. Ma, sorprendentemente, proprio qui è iniziata una transizione energeticache oramai è concreta e che si rafforza anno dopo anno. Nel 2015 questo Paese ha funzionato per 300 giorni su 365 al 100 per cento con energia rinnovabile. Il 2016 si è chiuso invece con una produzione pari al 98 per cento di elettricità da fonti rinnovabili senza l’impiego di alcun combustibile fossile. Nel 2017, dal 1° maggio e per – ancora una volta – ben 300 giorni, la produzione di energia è avvenuta utilizzando esclusivamente un mix di fonti pulite come idroelettrico, eolico e geotermico. Ma non è finita. Il nuovo Presidente, Carlos Alvarado, insediatosi quest’anno, ha annunciato un piano per vietare i combustibili fossili. Un programma costruito a tappe e che sarà avviato a partire dal settore dei trasporti.

Fonte: Lifegate

Data: Agosto 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientepolitiche energeticherinnovabili

Articoli correlati

Meteo estremo. Nel 2017 i danni climatici sono costati 320 miliardi di dollari

I danni causati da eventi climatici estremi sono ammontati nel 2017 a 320 miliardi di dollari. I dati forniti da

Concessioni, piattaforme e referendum: ecco la mappa degli idrocarburi in Italia

Trivelle sì, trivelle no. Come spesso accade per i Referendum, l’informazione stenta ad essere chiara e completa. Per dare ai

L’India e il dilemma dell’energia

Può l’India modernizzare la propria economia e fornire energia elettrica alla sua popolazione in crescita senza affidarsi pesantemente al carbone