Quest’anno l’“earth overshoot day” è il 13 agosto

Quest’anno l’“earth overshoot day” è il 13 agosto

Secondo i dati del Global Footprint Network, un centro studi internazionale sulla sostenibilità con uffici in Europa, Asia e Nord America, in meno di otto mesi, l’umanità ha consumato completamente il budget a disposizione del pianeta per l’intero anno; budget in cui il riassorbimento delle emissioni di carbonio costituisce più della metà della nostra “domanda alla natura”.

Il Global Footprint Network rileva l’andamento delle esigenze dell’umanità nei confronti delle risorse del Pianeta (Impronta Ecologica) rispetto alla capacità della natura di far fronte a quelle esigenze (biocapacità). L’Earth Overshoot Day (giorno del sovrasfruttamento) indica quindi la data in cui la domanda annuale di risorse dell’umanità supera ciò che la Terra può rigenerare nello stesso anno. Nel tempo l’Earth Overshoot Day si è spostato dai primi di ottobre nel 2000 al 13 agosto di quest’anno.

I costi di questo sforamento ecologico stanno diventando sempre più evidenti e si concretizzano nella deforestazione, nella siccità e nella scarsità di acqua dolce, nell’erosione del suolo, nella perdita di biodiversità ed infine nell’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera. In particolare, se gli attuali modelli climatici sono corretti, gli apporti di CO2 più recenti amplificheranno significativamente gli effetti di quella già presente.

Conseguentemente, i responsabili delle decisioni dei governi che terranno conto nelle loro politiche di questi vincoli crescenti avranno sicuramente più probabilità di avere buoni andamenti nei risultati economici di lungo termine delle loro nazioni.

“La sola impronta ecologica da carbonio dell’umanità è più che raddoppiata tra il 1970, anno in cui il mondo ha cominciato ad andare in sovraconsumo ecologico, e oggi. Questa rimane la componente che aumenta più velocemente nel crescente divario tra l’Impronta Ecologica e la biocapacità del pianeta” dice Mathis Wackernagel, presidente del Global Footprint Network e co-ideatore del sistema di misurazione delle risorse denominato Impronta Ecologica. “L’accordo globale per abbandonare gradualmente i combustibili fossili che è in discussione a livello mondiale in vista del summit sul clima di Parigi (dicembre 2015) potrebbe significativamente aiutare a frenare la consistente crescita dell’Impronta Ecologica ed eventualmente a ridurre l’impronta”.

L’impronta da carbonio è inscindibilmente connessa alle altre componenti dell’Impronta Ecologica ovvero le aree coltivate, i pascoli, le foreste e le aree biologicamente produttive coperti da edifici e strade. Tutte queste componenti competono per lo spazio. Maggiore è richiesta di cibo e di legname da costruzione, minori sono le aree disponibili per l’assorbimento del carbonio prodotto dai combustibili fossili. Ciò significa che le emissioni di carbonio si accumulano nell’atmosfera anziché essere riassorbite completamente.

LaRepubblica-Di-quante-terre-cè-bisogno

 

 

Fonte: Earth Overshoot Day

Data: Agosto 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientecosti

Articoli correlati

Smog, storia di un fenomeno centenario

articolo di Giovanni Viegi* Sono passati 105 anni da quando Henry Antoine des Voeux, componente della Società londinese per l’abbattimento del fumo

Rinnovabili, ritorna la crescita: investimenti globali +17% nel 2014

Dopo due anni di decremento, nel 2014 gli investimenti in rinnovabili sono tornati a crescere. Sono aumentati di quasi del 17%

Auto elettriche: nel Regno Unito arrivano le corsie per ricaricarle

Dalla redazione di Canale Energia, articolo scritto da Marianna Palumbo Le auto elettriche sono il modo ideale per soddisfare le proprie