Le strategie sbagliate delle major petrolifere che trascurano lo shale

Le strategie sbagliate delle major petrolifere che trascurano lo shale

Riportiamo un articolo apparso su Affari&Finanza de La Repubblica a firma di Leonardo Maugeri.

“Quando la marea si ritira, si vede chi stava facendo il bagno nudo.” Questa massima di Warren Buffett descrive la situazione di molte grandi compagnie petrolifere mondiali di fronte alla caduta dei prezzi del greggio. Più o meno per un decennio, le cosiddette majors hanno speso moltissimo pur di rimpiazzare le riserve di idrocarburi consumate ogni anno. Nel farlo, si sono gettate in progetti al limite della razionalità economica, contando su prezzi del petrolio e del gas in continua crescita. Anno dopo anno, mentre i prezzi effettivamente aumentavano, sono venute meno le inibizioni e gli antidoti che avrebbero dovuto consigliare maggiore prudenza nella spesa. Ma ancor prima della caduta dei prezzi, lo sforzo profuso non aveva dato i risultati sperati: la grande industria petrolifera, infatti, è riuscita a scoprire soprattutto gas invece che petrolio. …

Fonte: Affari&Finanza de La Repubblica

Data: Dicembre 2014

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
combustibili fossilicostipetrolioshale gas

Articoli correlati

Fonti fossili e fonti rinnovabili, costi a confronto

Non è possibile andare molto lontano in una discussione sul settore energetico di un paese, senza parlare di costi. Come

Il taglio dei sussidi dimostra che è arrivata l’ora delle rinnovabili

Alcuni governi in Europa stanno introducendo misure che limitano il sostegno finanziario alle energie rinnovabili. Tali provvedimenti non dovrebbero essere visti come

Il più grande porto al mondo per esportazioni di carbone abbandona il… carbone

Si apre un’altra falla nel business del carbone. Newcastle, il più grande porto di esportazione di carbone del mondo, situato