L’energia sporca in Africa è un affare dei Paesi ricchi

L’energia sporca in Africa è un affare dei Paesi ricchi

Il 60 per cento circa degli aiuti pubblici che vengono destinati dai Paesi più ricchi a progetti energetici in Africa vengono spesi per promuovere azioni e programmi che riguardano i combustibili fossili. Solo il 18 per cento di questi finanziamenti viene speso per progetti che coinvolgono le tecnologie pulite. È questo il risultato di uno studio di Oil change international pubblicato di recente.

I finanziamenti di derivazione pubblica destinati al settore energetico in Africa tra 2014 e 2016 per fonti [Fonte: Oil Change International]

Progetti di sviluppo che non guardano al futuro

I governi dei Paesi più ricchi stanno promuovendo in Africa lo sviluppo dell’energia legata ai combustibili fossili a spese dell’energia pulita. Nonostante alcuni di loro si stiano adoperando per sostituire nel proprio Paese l’energia fossile con tecnologie green, secondo Oil Change International – un’organizzazione che conduce ricerche e azioni in difesa delle rinnovabili, approfondendo i costi reali dei combustibili fossili – hanno continuato a finanziare progetti legati ai fossili proprio là dove le comunità stanno subendo i danni peggiori legati ai cambiamenti climatici.

I finanziamenti medi annuali dedicati dai Paesi europei analizzati a progetti per l’energia in Africa [Fonte: Oil Change International]

Il paradosso dell’Italia che vuole contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici finanziando i combustibili fossili

Oil change international ha stimato che, tra il 2014 e il 2016, gli aiuti al settore energetico in Africa siano stati pari a di 59,5 miliardi di dollari destinati per quasi la metà a progetti in Egitto, Angola e Sudafrica. Lo studio ha preso in considerazione i fondi messi a disposizione da banche di sviluppo e da Cina, Stati Uniti, Giappone, Corea oltre agli europei Germania, Italia, Francia, Regno Unito, Paesi Bassi e Svezia. Per quanto riguarda l’Italia, così come la Germania, i motivi alla base della cooperazione nel continente africano sono legati alla questione migratoria. L’intenzione è quella di collaborare per aiutare a risolvere alcune delle cause che spingono le persone che vivono in comunità dove gli effetti dei cambiamenti climatici sono più concreti. Il 63 per cento degli interventi dei Paesi europei è stato sostenuto da tre organizzazioni: la tedesca Euler Hermes, compagnia di assicurazione del credito del gruppo Allianz; l’italiana SACE, società al 100 per cento del Gruppo Cassa depositi e prestiti specializzata nel settore assicurativo-finanziario; la francese AFD, Agence Française de Développement. Complessivamente, i finanziamenti europei hanno sostenuto progetti di centrali elettriche a gas e petrolio (69 per cento) e raffinerie (20 per cento).

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Africacombustibili fossiliinquinamento

Articoli correlati

Decarbonizzazione in tre step. Le istruzioni della Banca Mondiale

pubblichiamo un articolo dal sito di Canale Energia I costi della decarbonizzazione sono destinati a crescere del 50% se i governi non

Le diverse posizioni della Cgil rispetto al referendum sulle trivelle

Sono più di  400 le firme per sostenere l’appello a favore del referendum contro le trivelle il prossimo 17 aprile promosso da alcuni sindacalisti

Quanto impatterà la nostra era sul Pianeta?

Immaginate che gli alieni atterrino sulla Terra tra un milione di anni. Cosa troveranno questi curiosi ricercatori? Scopriranno quello che