L’impiego del carbone costa al Regno Unito tra i 2,5 ed i 7 miliardi per morti premature

L’impiego del carbone costa al Regno Unito tra i 2,5 ed i 7 miliardi per morti premature

Secondo un’ampia relazione sulla produzione di carbone in Europa, i decessi correlati alle emissioni di carbone sono costati nel 2013 all’economia del Regno Unito tra i 2,47 ed i 7,15 miliardi di sterline.

Il dato, che include i costi di mortalità per malattie respiratorie e cardiovascolari correlate all’uso del carbone come le malattie cardiache e il cancro ai polmoni, è legato ai 395 kilotoni di inquinanti emessi dagli impianti a carbone del Regno Unito. Secondo gli autori, complessivamente, l’Europa ha registrato costi per mortalità equivalenti, compresi tra i 21 ed i 60,6 miliardi di euro.

Il rapporto, realizzato dal gruppo ong Climate Action Network Europe (Cane), ha anche scoperto che il Regno Unito è stato il terzo più grande produttore di biossido di carbonio creato dalla combustione di carbone, dopo Germania e Polonia.

“Il governo britannico non ha colto la realtà,” ha detto al Guardian Kathrin Gutmann, coordinatrice delle politiche sul carbone del Cane. “Ed ha urgente bisogno di una strategia proattiva per gestire una fase di uscita dal carbone. I servizi energetici stanno già cominciando a spendere miliardi di euro per tagliare un po’ dei loro impianti a carbone, ma i governi come quello del Regno Unito si stanno solo nascondendo dietro a questa trasformazione del settore energetico”.

Il mese scorso, la Germania ha iniziato un processo per archiviare le sue centrali a carbone più grandi. La nuova indagine dice che è ancora la più grande sovvenzionatrice di carbone d’Europa tuttavia, sborsando tra il 1999 ed il 2011 30 miliardi di euro.

Nel Regno Unito, il carbone è responsabile lo scorso anno di circa 87 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 – il 16% di tutte le emissioni di gas a effetto serra del paese – una cifra otto volte superiore a quella della Francia.

Il Cane ha calcolato i costi sanitari mappando 280 centrali a carbone in Europa e moltiplicando quindi le loro emissioni inquinanti per il costo della mortalità associata a tali emissioni stimato dall’Agenzia europea per l’ambiente.

 

Fonte: The Guardian

Data: Settembre 2015

Leggi l’articolo in inglese



Articoli correlati

Dieselgate: sindaci Ue, raddoppio limiti emissioni minaccia salute

“La salute dei cittadini viene prima delle lobby delle industrie”, è lo slogan della petizione, lanciata a metà marzo dalla

Sullo smog, per l’Italia è sempre emergenza…

Aria sempre più irrespirabile, per un’emergenza smog cronica che dipinge un’Italia da “codice rosso”. Mentre in questi giorni i limiti

Onu: l’inquinamento uccide 234 volte più delle guerre

L’inquinamento uccide ogni anno nel mondo un numero di persone che è 234 volte quello delle vittime dei conflitti. Sono