L’industria italiana è efficiente, ma senza un approccio globale

L’industria italiana è efficiente, ma senza un approccio globale

Negli ultimi tre anni il 64% delle aziende italiane ha promosso interventi di efficientamento energetico senza un piano strutturato.

È il risultato dell’indagine internazionale condotta nell’aprile 2015 dall’ente di certificazione DNV GL – Business Assurance in collaborazione con l’Istituto GFK Eurisko.

Il campione preso in esame ha coinvolto 1557 professionisti di aziende del settore primario, secondario e terziario che operano in Europa (il campione italiano è composto da 171 aziende), Asia, America (Nord, Centro e Sud), al quale è stato somministrato un questionario attraverso la metodologia CAWI (Computer Assisted Web Interviewing). Non rappresentativo della popolazione mondiale delle imprese, il campione comprende un 18% di energivori (appartenenti ai settori estrattivo e minerario, produzione di carbone e carta, lavorazione di sostanze e prodotti chimici, tra gli altri) e 67 aziende “leader”, che dimostrano di avere investito in efficienza negli ultimi 3 anni e di possedere una strategia in tal senso.

L’attenzione dei professionisti si è rivelata molto alta: l’81% del campione ritiene che possa impattare “sul proprio Paese”, il 79% “sul mondo nel suo complesso” e i 77% “sulla propria vita quotidiana”.

CanaleEnergia_industria italiana_2015

Fonte: Canale Energia

Data: Luglio 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambienteefficienzaenergiaindustriaItalia

Articoli correlati

Nove grandi società statunitensi si impegnano a passare al 100% di energia rinnovabile

Nove tra le più grandi società americane, tra cui Nike e Walmart, si sono impegnate a passare alle energie rinnovabili

Progetto liter of light. Può il solare a un dollaro essere d’aiuto?

Un’impresa non profit filippina sta portando l’illuminazione solare aa basso costo in più di 20 Paesi in via di sviluppo per

Strategia energetica di riduzione della CO2? L’Italia non c’è

Sono 11 su 28 gli Stati dell’Unione europea che hanno consegnato una strategia di riduzione delle emissioni al 2050 e