New York, la grande mela sempre più verde con il solare

New York, la grande mela sempre più verde con il solare

L’energia solare sta conquistando sempre più spazio sui tetti di New York. La scorsa settimana, il sindaco Bill De Blasio ha inaugurato un nuovo impianto solare di 3.152 pannelli installati sul tetto del Brooklyn Navy Yard, segnando un ulteriore passo nel rendere la città sostenibile e permetterle di centrare l’obiettivo di ridurre dell’80 per cento le sue emissioni di gas serra entro il 2050.

Il solare quadruplica a New York

La capacità solare della città fornisce oggi 96 megawatt di elettricità, quasi il quadruplo rispetto ai 25 megawatt che venivano prodotti nel 2013, prima dell’insediamento di De Blasio al New York City Hall, si legge in una nota stampa del Comune diffusa in occasione della Settimana del clima che si è tenuta a settembre.

Il Department of buildings stima di rilasciare per il 2016 oltre 3mila permessi per l’installazione di pannelli solari fotovoltaici, raggiungendo così quota 8.000 impianti attivi in tutta la città. Una crescita che ha spinto il Comune ad alzare gli obiettivi del piano OneNYC: “Avevamo preso un impegno per l’installazione di 100 megawatt di energia solare sugli edifici pubblici e 250 su quelli privati entro il 2025 – ha detto il sindaco De Blasio – Questo rapido progresso ci ha stimolato per espandere l’obiettivo a 1.000 MW di energia solare in tutta la città, sufficiente per alimentare oltre 250mila abitazioni. C’è una sola New York e dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere e garantire questo patrimonio alle generazioni future”.

Nuovi posti di lavoro

Il boom del solare ha significato per New York anche un’esplosione dell’industria del settore con la creazione di migliaia di posti di lavoro che, da mercato di nicchia, sta oggi crescendo e diffondendosi. Dieci anni fa si potevano contare in città solo cinque installatori che, a fine 2015, sono diventati 55 aziende in cui trovavano impiego circa 2.700 lavoratori.

La mappa in continuo aggiornamento degli impianti solari installati a New York

Zero burocrazia e incentivi per lo sviluppo del solare

La crescita del numero di impianti a energia solare sui tetti di New York è stata resa possibile dal calo del 70 per cento dei costi di installazione e grazie ad alcuni interventi pubblici mirati. Il Comune si è impegnato a elaborare un’offerta di incentivi e crediti di imposta che hanno reso ulteriormente conveniente investire sul solare per le famiglie. Parallelamente l’amministrazione si è mossa per assicurare un maggior coordinamento tra governo, enti, installatori e utenti cercando di rendere più facile per le persone entrare nel settore. Un passaggio fondamentale che ha visto anche la riforma del Department of Buildings newyorkese che oggi rilascia in pochissimi giorni un permesso per l’installazione di un impianto solare a una famiglia o a una azienda che ne facciano richiesta. Contemporaneamente, attraverso partner locali, il Comune ha promosso la creazione di siti web e applicazioni per rendere più facile ai cittadini aderire a un gruppo di acquisto solare o verificare il potenziale di capacità solare della propria abitazione.

Data: Ottobre 2016


Tags assigned to this article:
politiche energeticherinnovabilisolare

Articoli correlati

Gli edifici sono la fonte maggiore di inquinamento dell’aria in Europa, seguono industria e trasporti

Articolo di Lorenzo Pagliano* Secondo il rapporto 2014 della Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) le fonti di inquinamento dell’aria da

Tunisia, perdita di petrolio da una piattaforma: marea nera arrivata fino a 120 chilometri da Lampedusa

Una fuga di greggio fuoriuscito da una piattaforma petrolifera a 7 chilometri al largo delle coste delle isole Kerkennah preoccupa

Le chiese britanniche scelgono l’energia rinnovabile

Oltre 3.500 chiese britanniche hanno deciso di accendere le proprie luci con energia rinnovabile. Continua a crescere il numero adesioni