Nonostante il grande rumore sulle rinnovabili, il settore pianifica 2.500 centrali a carbone

Nonostante il grande rumore sulle rinnovabili, il settore pianifica 2.500 centrali a carbone

Dal nostro corrispondente Eric J. Lyman (@EricJLyman)

PARIGI – Nel mondo ci sono circa 2.500 impianti a carbone in fase di realizzazione che produrranno 4 volte il livello di emissioni fissato per mantenere l’innalzamento delle temperature sotto i 2°C rispetto ai livelli dell’era pre-industriale, è quanto riporta un nuovo studio presentato ai margini dei lavori del secondo giorno della COP21 in corso a Parigi.

“Coal Gap”, così è chiamato il report prodotto da Climate Action Track, ha rilevato che gli obiettivi di contenere l’innalzamento delle temperature tra l’1,5 e i 2 gradi al di sopra dei livelli pre-industriali è incompatibile con gli attuali stadi di produzione di carbone.

Da sole, le centrali a carbone esistenti produrranno 50 per cento più emissioni rispetto ai livelli previsti come “percorsi” per limitare il riscaldamento a 2 gradi tra oggi e il 2030. Se nelle stime vengono inclusi anche gli impianti in fase di sviluppo, le emissioni diventerebbero almeno il 400 per cento superiori rispetto questo livello, e se in quest’arco di tempo fossero progettati nuovi impianti le emissioni totali sarebbero ancora più alte.

“C’è solo una soluzione al problema di avere troppe centrali a carbone in attività ed è annullare la loro realizzazione”, ha detto Pieter Van Breevoort, esperto di energie rinnovabili per Ecofys e uno degli autori del rapporto.

La notizia arriva dopo che il Regno Unito ha annunciato il mese scorso che chiuderà entro un decennio tutte le sue centrali a carbone, mentre l’ultima miniera di carbone chiuderà a fine mese.

Tuttavia, nell’Unione Europea e in otto paesi non-europei – Cina, India, Indonesia, Giappone, Sud Africa, Corea del Sud, Filippine e Turchia – sono in programma la realizzazione di progetti per almeno 5 GW di nuova capacità a carbone.

Tutto questo mentre i delegati presenti a Parigi stanno negoziando un possibile accordo su quello che viene nel testo chiamato un “obiettivo a lungo termine”. Benché non ci sia un linguaggio comune su questo punto, la maggior parte delle opzioni prevede una completa o quasi totale eliminazione di combustibili fossili, o zero emissioni in tutto il mondo a partire dalla seconda metà del secolo.

Gli autori del rapporto sperano che questo scenario si traduca nella “rottamazione” della maggior parte degli impianti previsti.

“Se le rinnovabili decollano velocemente, come è previsto, molti degli investimenti per  questi impianti a carbone potrebbero essere bloccati,” ha detto Markus Hagemann del New Climate Institute.

 


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticocarboneCOP21

Articoli correlati

Nella terra dei Navajo in funzione l’impianto fotovoltaico che produce elettricità per 13mila famiglie

Nelle case dei Navajo scorre energia rinnovabile, grazie al primo impianto fotovoltaico su grande scala da 27,3 megawatt, in grado

Fotovoltaico, 94mila nuovi posti di lavoro in Europa in 4 anni

Nel 2016, il settore fotovoltaico nell’Unione Europea a 28 ha dato lavoro a più di 81 mila dipendenti equivalenti a

Il Presidente Obama ha presentato il piano americano “Power Clean” per combattere il cambiamento climatico

In un video della Casa Bianca pubblicato domenica, il Presidente Obama ha sottolineato come i dati scientifici dimostrino che il