Pannelli solari a basso costo e stampabili: una nuova promessa per l’energia pulita

Pannelli solari a basso costo e stampabili: una nuova promessa per l’energia pulita

Un fisico australiano sta guidando una spinta per aprire la strada a un nuovo tipo di energia solare a basso costo che, a suo avviso, potrebbe rendere la sottoscrizione di conti energetici tanto semplice quanto l’adozione di un piano di telefonia mobile.

Nel maggio dello scorso anno, il professore dell’Università di Newcastle, Paul Dastoor, ha utilizzato celle solari organiche stampate per alimentare schermi e schermi in una mostra a Melbourne.

Meno di un millimetro di spessore, tenuti premuti con nastro biadesivo, i pannelli hanno una trama simile a un pacchetto di patatine fritte e possono essere prodotti per meno di 10 dollari al metro quadrato.

Dastoor ha lavorato a questa tecnologia per oltre un decennio, ma ora ha iniziato un’installazione di 200 metri quadrati, la prima applicazione commerciale del suo genere in Australia e forse nel mondo.

“Il basso costo e la rapidità con cui questa tecnologia può essere implementata è entusiasmante in quanto abbiamo bisogno di trovare soluzioni e ridurre, rapidamente, la domanda di potenza di base – una preoccupazione continuamente attuale mentre ci avviciniamo ad un’altra estate qui in Australia”, ha detto.

Fonte: The Guardian

Data: Settembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
fotovoltaicosolaretecnologia

Articoli correlati

Overshoot Day:  5 giorni prima rispetto al 2015 abbiamo esaurito le risorse ecologiche per il 2016

di Luca Mercalli Mentre l’economia globale, la popolazione, l’estrazione di risorse naturali e l’inquinamento crescono, le dimensioni della Terra rimangono

Gli incentivi alle fonti fossili e il botta e risposta tra le parti

Riportiamo due articoli rispettivamente di Francesco Ferrante “Gli incentivi, il caro-energia e i ‘fatti dalla testa dura’” pubblicato su QualEnergia.it

La presenza femminile nel settore dell’energia cresce ma non abbastanza

Negli ultimi anni è aumentata la presenza di lavoratrici femminili nel mondo dell’energia, ma il livello resta ancora troppo basso,