Pm10 salgono a Roma e Milano

Pm10 salgono a Roma e Milano

Flop del blocco delle auto e delle targhe alterne, a Roma e Milano è stato comunque superato il limite delle polveri sottili.

Secondo i dati forniti dall’Arpa Lazio a fronte di un limite di legge per le pm10 di 50 ug/m3, si sono registrati valori nettamente superiori. Oggi secondo giorno di blocco a Milano e a Roma ferme le targhe pari ma nella capitale ben 11 centraline di rilevamento su 13 hanno registrato il superamento del livello consentito di polveri sottili: Preneste (67 microgrammi per metro cubo), Francia (58), Magna Grecia (56), Cinecittà (92), Villa ada (53), Cavaliere (66), Fermi (51), Bufalotta (59), Cipro (57), Tiburtina (76) e Arenula (58). Nella centralina di Milano Pascal il livello è salito da 57 microgrammi al metro cubo a 67, a Senato il livello è passato da 63 a 66 mentre è rimasto stabile a 60 a Verziere.

I dati di Milano dal 1 ottobre al 28 dicembre 2015

I dati di Milano

I dati di Roma dal 1 ottobre al 28 dicembre 2015

I dati di roma

I dati di roma2

I dati di roma3

L’assenza di pioggia peggiora la situazione e secondo gli esperti potrebbe non arrivare prima degli inizi di gennaio. Le misure di contenimento prese fino ad ora erano a discrezione delle singole amministrazioni. Ora il governo e l’Anci stanno studiando interventi coordinati e di maggiore efficacia. Necessario un piano nazionale contro lo smog di medio e lungo termine, visto che i cambiamenti climatici provocheranno stagioni sempre più calde e con meno piogge.

Nell’Annuario statistico italiano 2015 l’Istat informa che l’automobile è il mezzo di trasporto privato più utilizzato per recarsi al lavoro e a scuola. Nel 2015 la usano quasi sette occupati su dieci (68,9%) come conducenti, e poco più di un terzo (39,2%) degli studenti come passeggeri. Diminuisce invece l’utilizzo della bicicletta, usata per gli spostamenti dal 2,4% degli studenti (3% nel 2014) e dal 3,5% degli occupati (4,3% un anno fa).  Significativi anche i dati relativi all’utilizzo del trasporto pubblico: nel 2015, infatti, usa i mezzi pubblici urbani meno di una persona over14 su quattro (24%), il 16,2% si sposta con i mezzi extra-urbani mentre il 31,3% ha preso il treno almeno una volta. La percentuale di utenti dei mezzi urbani che si dichiarano soddisfatti, inoltre, è generalmente più bassa di quella degli utenti del trasporto ferroviario o di pullman e corriere. Questa tendenza si conferma anche nel 2015: scende infatti la soddisfazione per la frequenza delle corse (da 56,6 del 2014 a 55,9%) e la puntualità dei mezzi urbani (da 54,7 a 54,3%) mentre aumenta per la puntualità di pullman e corriere (da 66,0 a 68,1%).

 

Fonte: La Repubblica

Data: Dicembre 2015

Leggi l’articolo

Confronta i dati


Tags assigned to this article:
ambientecambiamento climaticoinquinamento

Articoli correlati

Il balzo in avanti di eolico e solare nonostante i prezzi stracciati dei combustibili fossili

Il 2016 dell’eolico e del solare sembra improntato a diventare un anno record almeno a guardare a come l’espansione dell’edilizia

Led sull’albero di Natale, record australiano

Anche le festività si fanno “sostenibili” e soprattutto “da record”. Nella capitale Canberra, infatti, l’australiano David Richards ha realizzato un

La Cina soffoca per troppo smog. Chiuse le centrali a carbone

Pechino, dove l’inquinamento in media è circa il doppio di quello nazionale, chiuderà l’ultima delle sue quattro grandi centrali elettriche a