La lista dei paesi che utilizzano più carbone per generare elettricità: Cina in testa

La lista dei paesi che utilizzano più carbone per generare elettricità: Cina in testa

Il carbone è uno dei modi più inquinanti per generare elettricità e regioni come l’Europa hanno lavorato duramente negli ultimi anni per la sua graduale soppressione. Ma, allo stesso tempo, l’industrializzazione avviata in altre parti del mondo ha controbilanciato gli sforzi. L’utilizzo del carbone da parte della Cina è più che raddoppiato tra il 2002 e il 2012, facendone di questo Paese il più grande consumatore al mondo:

 

Global-coal-consumption

 

Guardando all’utilizzo totale, tuttavia, non si tiene conto delle dimensioni della popolazione, né di quanto l’economia di un paese potrebbe essere “affamata” di energia. Se si considerano questi aspetti, si osserva come il Sud Africa sia il Paese che più fa affidamento sul carbone in termini percentuali sul suo fabbisogno di elettricità. Segue la Polonia, al secondo posto, mentre la Cina risulta in questa lista solo in terza posizione.

Proportion-of-total-electricity-generated-from-coal

 

La Cina, infatti, ha fatto un grande sforzo per diversificare il suo approvvigionamento energetico,avviando la costruzione di infrastrutture per le energie rinnovabili ad un ritmo più veloce di molti Paesi europei. Nel frattempo l’Australia ha portato avanti nuove operazioni di estrazione del carbone raccogliendo ampie critiche.

 

Fonte: Quartz

Data: Agosto 2015

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
AustraliacarboneCinaEuropainquinamento

Articoli correlati

L’apocalisse nucleare di Fukushima

Inimmaginabile, imprevedibile, sotagai per usare la parola giapponese. Un terremoto, che provoca uno tsunami, con onde che arrivano fino a

Auto e camion bruciano quasi la metà dell’olio di palma utilizzato in Europa

Una analisi apparsa in uno studio della Commissione europea ha rivelato che l’impatto sul clima del biodiesel ricavato dall’olio di

I cambiamenti climatici visti dal cielo dell’Antartide

I cambiamenti climatici sono difficili da vedere, perché sono lenti – sebbene continui- e spesso privi di “effetti speciali”, fatta