Un impianto solare a forma di panda: succede in Cina

Un impianto solare a forma di panda: succede in Cina

La Cina, il più grande produttore di energia solare al mondo, a fine giugno ha messo in funzione un nuovo impianto solare che è già diventato il più famoso, se non il più simpatico, mai costruito prima sulla Terra. L’impianto ha la forma di un panda gigante, animale particolarmente caro ai cinesi e simbolo per eccellenza della protezione della natura.

Panda, il simbolo della protezione degli animali produce energia solare

Tra gli impianti solari più belli al mondo, oggi se ne aggiunge un altro che non sarà solo bello ma che attirerà anche la curiosità e le simpatie di molti, in particolare i più giovani. Il Panda power plant a Datong, situato nel nordest della Cina, è un impianto fotovoltaico con una capacità totale installata di 50 megawatt a forma di panda gigante. Le parti nere del panda, come le orecchie e le braccia, sono costituite da celle solari di silicio monocristallino fornite dalla cinese Xi’an Longi Silicon Materials Corp, mentre la pancia e la faccia grigia e bianca sono composte da celle solari a film sottile prodotte da First Solar, società statunitense. Un modo originale per realizzare l’integrazione in uno stesso impianto di due tecnologie solari tra le più all’avanguardia al mondo celebrando l’animale simbolo della Cina.

Il progetto complessivo del Power plant panda (Fonte: Panda Green Energy Group)

Il progetto complessivo del Power plant panda (Fonte: Panda Green Energy Group)

Un panda solare per parlare alle giovani generazioni di energia pulita

Il Panda power plant è stato costruito nell’ambito di un accordo tra l’United Nations development programme (Undp) e la China merchants new energy (Cmne), a sostegno non solo della diffusione delle energie rinnovabili ma anche per promuovere la crescita di una coscienza pubblica sulle tecnologie rispettose dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile, nonché per incoraggiare la partecipazione dei giovani in materia di innovazione per il bene sociale.

Oltre a fornire energia elettrica pulita, il nuovo impianto fotovoltaico vuole coinvolgere i giovani in Cina e in altre parti del mondo per promuovere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e fornire una piattaforma per sollecitare idee su come aiutare i diversi paesi ad affrontare alcune delle più difficili sfide del prossimo futuro. In quest’ottica la centrale ospiterà anche un centro di educazione e formazione per i più piccoli e gli studenti a cui spiegare il funzionamento e i vantaggi dell’energia solare.

Il progetto complessivo del Power plant panda (Fonte: Panda Green Energy Group)

Il Power plant panda (Fonte: Panda Green Energy Group)

Oltre un miliardo di tonnellate di carbone lasciate sotto terra

Il progetto complessivo del Panda power plant è molto più ambizioso e non si fermerà solo al completamento di questa prima fase. La capacità complessiva finale installata sarà di 100 megawatt, distribuiti su un’area di circa 100 ettari. Una volta completato, l’impianto di Datong sarà in grado di produrre complessivamente nei prossimi 25 anni 3,2 miliardi di chilowattora di energia pulita, risparmiando – secondo i calcoli dell’azienda costruttrice, il Panda Green Energy Group – 1.056 milioni di tonnellate di carbone e riducendo le emissioni di carbonio di 2,74 milioni di tonnellate, pari all’emissione di 73mila auto sui 25 anni.

Fonte: Lifegate

Data: Agosto 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Cinarinnovabilisolare

Articoli correlati

In Gran Bretagna i leader concordano lo stop alle centrali a carbone. In Italia si tratta su Vado Ligure…

Molte sono le notizie provenienti da altri Paesi che da noi passano sotto silenzio. Nei giorni scorsi, i media italiani

Negli Usa solare ed eolico crescono più velocemente dei combustibili fossili

Dal 2008 a oggi la capacità eolica e solare negli Usa è triplicata, e  oggi risultano più economiche rispetto al carbone. Ora,

La Shell ottiene il via libera per le trivellazioni nell’Oceano Artico

L’Amministrazione Obama ha approvato un programma di trivellazioni petrolifere nell’Artico presentato dalla multinazionale anglo-olandese Shell. L’area di lavoro si trova