I contribuenti statunitensi sussidiano le più grandi compagnie fossili

I contribuenti statunitensi sussidiano le più grandi compagnie fossili

Le più grandi e più redditizie aziende di combustibili fossili del mondo stanno ricevendo elevatissimi sussidi dai contribuenti statunitensi. Una pratica assurda, secondo uno dei candidati presidenziali, data la minaccia incombente del cambiamento climatico.

Il Guardian ha indagato su tre specifici progetti gestiti da Shell, ExxonMobil e Marathon Petroleum e ha rilevato che le sovvenzioni sono state rilasciate da politici che hanno ricevuto significativi contributi elettorali dall’industria dei combustibili fossili.

Il quotidiano britannico ha scoperto che:

  • Una proposta per una raffineria petrolchimica in Pennsylvania di Shell è in attesa di ricevere 1,6 miliardi di dollari (1 miliardo di sterline) di sussidi statali, in base a un accordo raggiunto nel 2012, quando la società ha registrato un profitto annuale di $ 26.8 miliardi di dollari.
  • Ampliamenti della raffineria di Baton Rouge in Louisiana di ExxonMobil dal 2011 stanno beneficiando di un contributo statale di 119 milioni di dollari, quando la società ha fatto un profitto di 41 miliardi di dollari.
  • Marathon Petroleum in Ohio a partire dal 2011, anno in cui la società ha registrato 2,4 miliardi di dollari di profitti, ha ricevuto$ 78 milioni di dollari come sovvenzioni ai lavoratori, quando  .

Fonte: The Guardian

Data: Maggio 2015

Leggi l’articolo in inglese

 


Tags assigned to this article:
sussidi

Articoli correlati

Cop21 lascia irrisolte le questioni più difficili. L’energia pulita rimane “la” questione

Dal nostro corrispondente Eric J. Lyman (@EricJLyman) PARIGI – Con un giorno – o forse più – ancora a disposizione,

Petrolio, l’Opec taglia la produzione per far crescere i prezzi

I membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) si sono accordati per tagliare la produzione di oltre 700mila barili

Overshoot Day:  5 giorni prima rispetto al 2015 abbiamo esaurito le risorse ecologiche per il 2016

di Luca Mercalli Mentre l’economia globale, la popolazione, l’estrazione di risorse naturali e l’inquinamento crescono, le dimensioni della Terra rimangono