Aria inquinata e cambiamenti climatici: una minaccia per la salute

Aria inquinata e cambiamenti climatici: una minaccia per la salute

Secondo il Global Environment Outlook (GEO-6) per la regione pan-europea, pubblicato da Unep e United Nations Economic Commission for Europe (Unece) con il sostegno dell’Agenzia europea per l’ambiente (Eea), «La scarsa qualità dell’aria, i cambiamenti climatici, gli stili di vita insalubri e la sconnessione tra persone ed ambiente incidono sempre più sulla salute umana nella regione paneuropea».

Il più grande rischio per la salute in Europa è l’inquinamento atmosferico, con oltre il 95% della popolazione urbana europea esposta a livelli superiori a quelli previsti dalle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità. Secondo il rapporto «Nel 2012, oltre 500.000 morti premature nella regione erano imputabili alla qualità dell’aria esterna e 100.000 per la qualità dell’aria interna».

Il cambiamento climatico, oltre a essere una delle più grandi minacce per la salute umana, lo è anche per l’ecosistema e per la realizzazione di uno sviluppo sostenibile nella regione paneuropea. Inoltre accelera  molti altri rischi ambientali. «Gli impatti dei cambiamenti climatici  – dice GEO-6 – influenzano la salute attraverso inondazioni, ondate di caldo, siccità, riduzione della produttività agricola, esacerba l’inquinamento atmosferico, le allergie e i vettori  e le malattie legate al cibo e di origine idrica».

Nella regione paneuropea continuano  la perdita di biodiversità e il degrado degli ecosistemi, causati principalmente da un aumento cambiamento dell’utilizzo  del suolo, dall’intensificazione agricola, dall’urbanizzazione e dalla frammentazione degli habitat. Il declino e la perdita di biodiversità in corso sono particolarmente elevati in Europa occidentale e orientale, con livelli più bassi in Europa centrale, Federazione della Russa e Paesi dell’Asia centrale. Il rapporto ricorda che «La biodiversità è alla base di tutti i servizi ecosistemici, garantendo la fornitura di beni e servizi ambientali, come i nutrienti e il cibo, l’aria pulita e l’acqua dolce».

La competizione per le risorse del territorio è diffusa in tutta la regione: «Ogni giorno  – dicono Unper e Unece –  solo i 28 Paesi dell’Ue perdono 275 ettari di terreno agricolo al giorno per l’impermeabilizzazione del suolo e il consumo di suolo». Gli impatti della perdita di qualità del suolo sulla salute umana si manifestano in vari modi, attraverso i benefici diretti prodotti dagli alimenti, per la qualità della vita  che ha bisogno di spazi verdi, per l’esercizio fisico e anche per la salute mentale».

Il rapporto, presentato a Batumi, in Georgia, dove è in corso l’ottava conferenza ministeriale Environment for Europe (EfE), sottolinea che «Le sfide ambientali nella regione sono diventate più sistemiche e complesse, mentre la resilienza a queste sarà influenzato da megatrend in gran parte al di fuori del controllo del territorio».

Fonte: Greenreport.it

Data: Luglio 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientecambiamento climaticoEuropaimpatti

Articoli correlati

Questo livello di micropolveri toglie in media 10 mesi di vita

Roberto Giovannini ha intervistato per “La Stampa” il dr. Francesco Forastiere, epidemiologo ed esperto di inquinamento atmosferico, direttore dello studio

Quattro grandi città e la loro svolta anti inquinamento

Quattro importanti città hanno dato una svolta senza precedenti alle loro politiche anti-inquinamento. Parigi, Atene, Madrid e Città del Messico

Non c’è tempo per i giochi. Il report sulla salute dei bambini e il cambiamento climatico

Bambini australiani sono quelli che con più probabilità soffriranno di un aumento dei casi di malattie e infezioni a causa del cambiamento