Nel 2016 le rinnovabili sorpassano le fossili e prezzi ai minimi storici

Nel 2016 le rinnovabili sorpassano le fossili e prezzi ai minimi storici

Boom di rinnovabili nel mondo. Nel 2016 a livello globale la nuova capacità installata – escludendo i grossi impianti idroelettrici – è aumentata del 9 per cento, 138,5 gigawatt nel 2016 contro i 127,5 gigawatt del 2015, mentre sono stati investiti 241,6 miliardi di dollari in energie verdi, quasi un quarto in meno (23 per cento) rispetto all’anno prima. I dati arrivano dall’ultimo rapporto “Global Trends in Renewable Energy Investment 2017” dell’Unep, il programma ambientale delle Nazioni Unite, redatto in collaborazione con Frankfurt School-Unep Collaborating Centre e Bloomberg New Energy Finance.

In generale, secondo il rapporto dell’Unep, di fronte a una crescita della capacità installata di energia rinnovabile la spesa media di capitale per megawatt, per fotovoltaico ed eolico, è calata di oltre il 10 per cento, in parte grazie al minor costo delle tecnologie rinnovabili.

Si investe più in rinnovabili che in fossili

Gli investimenti in capacità rinnovabile sono stati circa il doppio rispetto agli investimenti in generazione elettrica da combustibili fossili; e la nuova potenza rinnovabile è pari al 55 per cento di tutta la nuova potenza elettrica installata nel mondo lo scorso anno, la massima percentuale riscontrata fino ad ora. Questo è il segnale che oggi conviene di più investire in rinnovabili che in combustibili fossili. La quota di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, escluse le grandi centrali idroelettriche, è salita dal 10,3 per cento al 11,3 per cento con conseguente riduzione delle emissioni di circa 1,7 gigatonnellate di anidride carbonica.

I trend di investimento mondiali

Gran parte del calo dei finanziamenti sono legati a una riduzione dei costi delle tecnologie. Il rapporto ha tuttavia documentato un rallentamento degli investimenti da parte di Cina, Giappone e di alcuni mercati emergenti. Gli investimenti in energie rinnovabili nei paesi in via di sviluppo sono scesi a 117 miliardi di dollari (-30 per cento), mentre nelle economie sviluppate le risorse economiche investite sono stati pari a 125 miliardi di dollari (-14 per cento). La Cina ha visto calare gli investimenti del 32 per cento a 78,3 miliardi di dollari, rompendo una tendenza al rialzo degli ultimi 11 anni. Messico, Cile, Uruguay, Sud Africa e Marocco hanno ridotto gli investimenti in energie verdi a causa di un rallentamento dell’aumento della domanda elettrica, in parte dovuto all’efficienza energetica, e a un ritardo delle aste e dei sistemi di finanziamento. La Giordania è invece uno dei pochi Paesi che ha visto un’inversione del trend con investimenti in aumento del 148 per cento, pari a 1,2 miliardi di dollari.

Anche gli Stati Uniti hanno contenuto il loro impegno economico a favore delle rinnovabili del 10 per cento (46,4 miliardi di dollari), così come il Giappone che ha contratto del 56 per cento (14,4 miliardi di dollari).

Degna di nota l’Europa che, nonostante la diminuzione dei costi delle tecnologie, ha registrato un segno positivo delle risorse allocate con un aumento del 3 per cento (59,8 miliardi di dollari) rispetto al 2015. A trainare il vecchio continente sono soprattutto il Regno Unito (24 miliardi di dollari) e la Germania (13,2 miliardi di dollari).

Fonte: Lifegate

Data: Maggio 2017

Leggi l’articolo


Tags assegnati all'articolo:
datiinvestimentirinnovabili

Articoli Correlati

Tre cose da sapere su tre decenni di inganni sul cambiamento climatico

Più della metà dell’anidride carbonica mai creata dagli esseri umani è stata rilasciata nell’atmosfera a partire dal 1988. Quello fu

Dalla Commissione Europea norme più rigorose per veicoli più puliti e sicuri

La Commissione Europea ha proposto una riforma radicale del quadro di omologazione Ue. In base all’attuale normativa è responsabilità esclusiva

Solar Impulse 2: il primo giro del mondo senza utilizzare carburante

Più di 42mila chilometri percorsi in oltre un anno e quattro mesi, in tutto quasi 500 ore di volo attraverso