Rinnovabili, l’Italia ha superato gli obiettivi al 2020

Rinnovabili, l’Italia ha superato gli obiettivi al 2020

In Italia il contributo delle rinnovabili nei consumi finali di energia è passato dal 6,3 per cento del 2004 al 17,5 cento del 2015, raggiungendo in anticipo l’obiettivo del 17 per cento previsto per il 2020. A livello europeo la quota di rinnovabili ha raggiunto il 16,7 per cento, partendo da un 8,5 per cento di dodici anni fa.

Primeggia la Svezia, maglia nera invece a Paesi Bassi, Francia, Irlanda, Regno Unito, Lussemburgo e Malta che sono in ritardo sui target stabiliti dall’Ue. I dati sono stati pubblicati da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea.

La quota di energie rinnovabili sul consumo finale lordo di energia è uno degli indicatori principali della strategia europea 2020 che prevede di raggiungere entro il 2020 il 20 per cento di energia da fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia. Gli Sati membri, visti i buoni livelli già raggiunti, hanno concordato il nuovo obiettivo del 27 per cento di energie rinnovabili dell’UE entro il 2030.

Eurostat-rinnovabili-europa

Svezia la migliore, Lussemburgo, Malta e Paesi Bassi in fondo alla classifica

Dal 2004, la quota delle fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia è cresciuta in modo significativo in tutti gli Stati membri. Rispetto a un anno fa, è aumentata in 22 Stati membri su 28. Eccelle la Svezia con il 53,9 per cento di energia da fonti rinnovabili nel suo consumo finale lordo di energia al 2015, e guida la classifica distaccando nettamente tutti gli altri paesi, soprattutto nel riscaldamento dove i consumi termici sono coperti dal 68,6 per cento da rinnovabili. Al secondo posto la Finlandia con il 39,3 per cento, seguita da Lettonia (37,6 per cento), Austria (33,0 per cento) e Danimarca (30,8 per cento). L’Austria spicca per aver raggiunto quota 70 per cento di rinnovabili nella produzione di energia elettrica. L’Italia, con il suo 17,5 per cento si posiziona al tredicesimo posto. All’estremità opposta della scala, le percentuali più basse di energie rinnovabili sul consumo energetico sono stati registrati in Lussemburgo e Malta (entrambi 5,0 per cento), Paesi Bassi (5,8 per cento), il Belgio (7,9 per cento) e Regno Unito (8,2 per cento).


Fonte: Lifegate

Data: Aprile 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
datiEuroparinnovabili

Articoli correlati

COP21 a metà strada: speranze per la nuova bozza del testo e il ruolo delle città nella lotta al cambiamento climatico

Dal nostro corrispondente a Parigi Eric J. Lyman (@EricJLyman) Parigi – La 21° Conferenza delle Parti sui Cambiamenti Climatici ha

Enel, Edf, Eon: così la sfida verde cambia l’Europa dell’energia

L’ultima settimana di settembre è stata cruciale per il futuro delle utility in Europa. Due avvenimenti avvenuti nelle stesse ore,

Speciale Libia, tutti gli approfondimenti

Fino agli anni cinquanta del XX secolo la Libia era uno dei paesi più poveri del mondo, soprattutto a causa