Settemila stazioni ferroviarie indiane scelgono il solare

Settemila stazioni ferroviarie indiane scelgono il solare

Il 98 per cento delle stazioni ferroviarie in India sarà presto alimentato con energia solare. È questo l’obiettivo che il governo dell’Unione Indiana vuole realizzare nel biennio 2017-18 per 7mila stazioni su 7.137. L’annuncio arriva dal ministro delle Finanze, Arun Jaitley, che ha spiegato che i lavori sono già stati avviati nelle prime 300 stazioni e a breve arriveranno a duemila.

Tetti fotovoltaici per le stazioni indiane

Il solare arriverà nelle stazioni ferroviarie indiane grazie al programma Solar Mission of the Indian Railways che prevede l’installazione di sistemi fotovoltaici sui tetti delle stazioni per ridurre la dipendenza da combustibili fossili delle ferrovie indiane che sono le prime al mondo per numero di passeggeri trasportati in rapporto al numero di miglia, in testa a Cina e Giappone.

Le società che realizzano gli impianti avranno la possibilità di acquistare direttamente dalle ferrovie indiane l’energia prodotta. Oltre agli impianti fotovoltaici sui tetti delle stazioni, le ferrovie prevedono di realizzare progetti solari su vasta scala, anche a terra.

La fame di energia delle ferrovie indiane

Le ferrovie indiane sono il primo consumatore di energia del Paese e da anni stanno lavorando per soddisfare la propria domanda energetica con fonti rinnovabili. Si stima che il consumo di energia elettrica delle ferrovie indiane sia oltre il 2 per cento dell’intero consumo di energia elettrica del Paese e tocchi i 2,6 miliardi di litri di gasolio all’anno. Una bolletta energetica che si traduce in 5 miliardi di dollari americani ogni anno, una spesa che corrisponde a circa un quarto del reddito complessivo delle ferrovie. Naturalmente i costi vanno rapportati alle persone trasportate che, in India, sono più di 20 milioni ogni anno lungo una delle più grandi e trafficate reti ferroviarie del mondo. Un dato che è ancora in crescita come del resto lo è anche il trasporto merci che negli ultimi 23 anni, dal 1992 al 2015, ha segnato un incremento del 165,7 per cento, dovuto in particolare al trasporto di materie prime e prodotti lavorati dell’industria.

Fotovoltaico per soddisfare la domanda energetica indiana

Nel 2016 l’India ha siglato una partnership con il Development Programme delle Nazioni Unite (UNDP) per realizzare 5 gigawatt di capacità fotovoltaica con progetti sui tetti e a terra. Ad oggi le ferrovie indiane hanno avviato il programma di sviluppo fotovoltaico in due stati, il Gujarat e il Rajasthan, dove nella prima fase saranno installati 25 megawatt di solare sui tetti e altri 50 megawatt in impianti a terra. Nella seconda fase, il programma coinvolgerà anche altri nove stati indiani con 60 megawatt sui tetti e 660 a terra. Durante la terza e ultima fase, saranno installati nel resto del Paese 400 megawatt sui tetti e 3.800 a terra.

Fonte: Lifegate

Data: Aprile 2017

Leggi l’articolo


Tags assegnati all'articolo:
Indiapolitiche energetichesolare

Articoli Correlati

Leonardo DiCaprio, appello ai petrolieri: lasciate le fonti fossili sottoterra

di Maria Rita D’Orsogna È un appassionato Leonardo DiCaprio quello che parla alla platea di Davos, Svizzera dove si svolge

Far crescere le rinnovabili per far crescere il Pil mondiale

Secondo il rapporto “Renewable Energy Benefits: Measuring the Economics”, presentato alla sesta Assemblea dell’International Renewable Energy Agency (Irena), che si

Tre cose da sapere su tre decenni di inganni sul cambiamento climatico

Più della metà dell’anidride carbonica mai creata dagli esseri umani è stata rilasciata nell’atmosfera a partire dal 1988. Quello fu