Trump rilancia la costruzione degli oleodotti americani

Trump rilancia la costruzione degli oleodotti americani

Donald Trump ha firmato l’atto che rimette in campo la costruzione degli oleodotti Keystone XL e Dakota Access.  Secondo quanto annunciato dallo stesso Trump la realizzazione delle le due infrastrutture “porterà alla creazione di 28mila posti di lavoro e tutte le strutture saranno prodotte in America, come ai vecchi tempi”.

Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, in una conferenza stampa ha detto che l’obiettivo di Trump è quello di trovare un equilibrio tra la protezione dell’ambiente e progetti che possono creare posti di lavoro e stimolare l’economia. “Zone come Dakota pipeline e Keystone sono in grado di aumentare posti di lavoro, far crescere l’economia, e contribuire all’approvvigionamento energetico degli Stati Uniti,“ ha detto  Spicer.

La realizzazione dell’oleodotto Keystone XL di TransCanada Corp era stata respinta dall’ex presidente Barack Obama, così come aveva bloccato il progetto Dakota Access da 3,8 miliardi di dollari della Energy Transfer Partners LP, fortemente contrastato dalle popolazioni native americane.

L’appoggio di Trump alle lobby del petrolio

Le mosse messe in campo da Trump confermano i suoi programmi elettorali a favore delle lobby fossili per dare loro maggior libertà di costruire nuove infrastrutture, creare posti di lavoro ed eliminare i colli di bottiglia legati al trasporto dei combustibili fossili. Ma Trump sembra ignorare gli ultimi dati emersi dall’U.S. Energy and Employment Report, secondo cui il solare crea più posti di lavoro di petrolio, gas e carbone insieme.

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientepetroliopolitiche energeticheStati Uniti

Articoli correlati

Trivelle: la rete si organizza in vista del referendum

Nell’ultimo mese la vicenda delle autorizzazioni concesse dal Governo ai progetti di estrazione petrolifera nei mari italiani ha scatenato una

La fotografia di un mondo in cui si utilizza il 100% di rinnovabili

Entro il 2050 il Pianeta potrebbe essere alimentato solo con fonti rinnovabili. Mark Jacobson, professore della Stanford University, in occasione

5 disastri ambientali legati all’energia che hanno cambiato la storia

Chernobyl, l’incidente della Exxon Valdez, quello avvenuto sulla Deepwater Horizon o sulla Prestige e Fukushima sono solo cinque tra i