Entro il 2020 le rinnovabili saranno competitive con i combustibili fossili

Entro il 2020 le rinnovabili saranno competitive con i combustibili fossili

Non c’è più storia, tra due anni tutte le fonti rinnovabili saranno più competitive rispetto a quelle fossili. A sostenerlo è l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena) che ha stilato il nuovo rapporto Renewable power generation costs in 2017 in cui sostiene che nel giro di due anni, entro il 2020 le energie rinnovabili saranno competitive in termini di costi con i combustibili fossili. La novità è che la stima di Irena riguarda tutte le rinnovabili, non solo l’energia solare o l’energia eolica saranno più convenienti di petrolio e carbone ma lo saranno anche fonti come geotermia o bioenergia.

 

Solare ed eolico battono tutti

Secondo l’analisi di Irena, entro il 2019, solare ed eolico potrebbero arrivare a fornire energia elettrica ad un costo di 0,03 dollari per kilowattora (kWh), un prezzo molto più basso di quanto attualmente è pagata l’energia generata con i combustibili fossili che si pone tra i 0,05 ed i 0,17 dollari per kWh. Un risultato che è frutto di un percorso che nell’ultimo decennio ha visto una crescita molto marcata del solare e dell’eolico: a partire dal 2010, i costi dell’energia eolica degli impianti a terra sono diminuiti di circa un quarto, quelli del fotovoltaico sono calati del 73 per cento.

I costi vantaggiosi delle rinnovabili sono già realtà

Le previsioni di Irena sul sorpasso delle rinnovabili sui combustibili fossili in termini di costi potrebbero sembrare fin troppo ottimistiche ma questo trend è già realtà. Negli ultimi 12 mesi, i costi medi ponderati globali dell’eolico onshore e del fotovoltaico sono stati rispettivamente di 0,06 e 0,10 dollari per kWh. I risultati che si sono toccati con mano in recenti aste fanno pensare che, nel futuro prossimo, si scenda sotto queste medie. Il riferimento è ai bassi prezzi registrati per il fotovoltaico ad Abu Dhabi, in Cile, a Dubai, in Messico, in Perù e in Arabia Saudita dove tre centesimi sono stati il prezzo massimo per il solare.

Due anni e il sorpasso sarà definitivo

Le stime di Irena non riguardano solo l’eolico e il solare. Anche altre tecnologie pulite, tra cui l’energia idroelettrica, la bioenergia e la geotermia hanno dimostrato negli ultimi 12 mesi di essere competitive rispetto ai combustibili fossili. Un andamento che si attende proseguirà e porterà al sorpasso entro il 2020. “Questa nuova dinamica segna un significativo cambiamento nel paradigma energetico”, ha detto Adnan Z. Amin, direttore generale di Irena. “La diminuzione dei costi tra le tecnologie non ha precedenti e rappresenta il grado con cui l’energia rinnovabile sta distruggendo il sistema energetico globale”.

Fonte: Lifegate

Data: Febbraio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
combustibili fossilicostirinnovabili

Articoli correlati

La Germania prevede di pagare i consumatori per utilizzare l’energia rinnovabile in eccedenza

I produttori di elettricità tedeschi sono pronti a pagare i consumatori per utilizzare l’elettricità. Secondo i dati da Bloomberg, la

La Banca Mondiale non finanzierà più petrolio e gas a partire dal 2019

Basta soldi per cercare petrolio. La Banca Mondiale dal 2019 non finanzierà mai più attività di esplorazione e produzione di

Rinnovabili vs fossili: l’energia sporca non è più così conveniente

Nonostante la disparità di incentivi e sussidi, le fonti fossili stanno perdendo il vantaggio economico che per anni hanno vantato