Ecco quanto è lontano il mondo dal raggiungere i suoi obiettivi climatici

Ecco quanto è lontano il mondo dal raggiungere i suoi obiettivi climatici

Due anni dopo che diversi Paesi del mondo hanno firmato l’importante accordo sul clima a Parigi, il mondo rimane molto lontano dal prevenire nei decenni a venire un drastico riscaldamento globale. L’ultimo round dei colloqui sul clima internazionale post Parigi è stato a Bonn, in Germania, per discutere su come intensificare gli sforzi.

Nell’ambito dell’accordo di Parigi, ogni Paese ha presentato una proposta per ridurre le sue emissioni di gas serra da oggi al 2030. Ma nessun grande Paese industrializzato è attualmente sulla buona strada per soddisfare il suo impegno, almeno secondo i nuovi dati del Climate Action Tracker. Non l’Unione Europea. Non il Canada. Non il Giappone. E non gli Stati Uniti, che sotto il presidente Trump intendono lasciare l’accordo di Parigi entro il 2020.

 

 

 

Fonte: The New York Times

Peggio ancora, anche se i governi intraprenderanno ulteriori passi per soddisfare i loro impegni individuali, il mondo corre il rischio di riscaldarsi ben oltre i 2° Celsius rispetto ai livelli preindustriali (3,6 gradi Fahrenheit), la soglia che, a Parigi, i leader mondiali hanno promesso di evitare perché lo ritenevano inaccettabilmente rischioso.

“Un anno dopo l’entrata in vigore dell’accordo di Parigi, ci troviamo ancora in una situazione in cui non stiamo facendo abbastanza per salvare centinaia di milioni di persone da un futuro miserabile”, ha affermato Erik Solheim, capo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

Fonte: Climate Action Tracker

Fonte: The New York Times

Data: Novembre 2017

Guarda l’infografica


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoemissioniinfografica

Articoli correlati

L’industria italiana è efficiente, ma senza un approccio globale

Negli ultimi tre anni il 64% delle aziende italiane ha promosso interventi di efficientamento energetico senza un piano strutturato. È

I costi sociali dei cambiamenti climatici sono sottostimati

Il danno economico causato da una tonnellata di emissioni di CO2, spesso definito come il “costo sociale del carbonio”, potrebbe

C’era una volta l’inverno

Un tiepido Natale chiude un 2015 che conquista a livello globale il primo posto nella classifica degli anni più caldi