Ecco quanto è lontano il mondo dal raggiungere i suoi obiettivi climatici

Ecco quanto è lontano il mondo dal raggiungere i suoi obiettivi climatici

Due anni dopo che diversi Paesi del mondo hanno firmato l’importante accordo sul clima a Parigi, il mondo rimane molto lontano dal prevenire nei decenni a venire un drastico riscaldamento globale. L’ultimo round dei colloqui sul clima internazionale post Parigi è stato a Bonn, in Germania, per discutere su come intensificare gli sforzi.

Nell’ambito dell’accordo di Parigi, ogni Paese ha presentato una proposta per ridurre le sue emissioni di gas serra da oggi al 2030. Ma nessun grande Paese industrializzato è attualmente sulla buona strada per soddisfare il suo impegno, almeno secondo i nuovi dati del Climate Action Tracker. Non l’Unione Europea. Non il Canada. Non il Giappone. E non gli Stati Uniti, che sotto il presidente Trump intendono lasciare l’accordo di Parigi entro il 2020.

 

 

 

Fonte: The New York Times

Peggio ancora, anche se i governi intraprenderanno ulteriori passi per soddisfare i loro impegni individuali, il mondo corre il rischio di riscaldarsi ben oltre i 2° Celsius rispetto ai livelli preindustriali (3,6 gradi Fahrenheit), la soglia che, a Parigi, i leader mondiali hanno promesso di evitare perché lo ritenevano inaccettabilmente rischioso.

“Un anno dopo l’entrata in vigore dell’accordo di Parigi, ci troviamo ancora in una situazione in cui non stiamo facendo abbastanza per salvare centinaia di milioni di persone da un futuro miserabile”, ha affermato Erik Solheim, capo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

Fonte: Climate Action Tracker

Fonte: The New York Times

Data: Novembre 2017

Guarda l’infografica


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoemissioniinfografica

Articoli correlati

Sul nucleare splende sempre il sole

Una vistosa anomalia nella politica energetica britannica sarà in mostra questa settimana: il governo annuncerà a trombe spianate un accordo

L’enciclica di Francesco: «La terra è ferita, serve una conversione ecologica»

La terra, nostra casa comune, «protesta per il male che provochiamo a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che

Trump rilancia la costruzione degli oleodotti americani

Donald Trump ha firmato l’atto che rimette in campo la costruzione degli oleodotti Keystone XL e Dakota Access.  Secondo quanto