The Climate Deception Dossiers: i documenti interni delle industrie dei combustibili fossili rivelano decenni di disinformazione

Per quasi tre decenni, molte delle maggiori aziende di combustibili fossili del mondo hanno consapevolmente lavorato per ingannare il pubblico sulla realtà e sui rischi del cambiamento climatico.

Le loro tattiche ingannevoli sono ora evidenziati in “The Climate Deception dossier“, un nuovo rapporto della Union of Concerned Scientists. La relazione mette in evidenza sette dossier, una raccolta di documenti ad uso interno delle società e delle associazione di categoria che sono trapelati al pubblico e che sono venuti alla luce grazie ad azioni legali o sono stati divulgati attraverso richieste connesse alla libertà di informazione (Foia) .

Ogni raccolta offre uno sguardo illuminante su una campagna coordinata per ingannare i cittadini, uno sforzo sottoscritto da ExxonMobil, Chevron, ConocoPhillips, BP, Shell, Peabody Energy e dagli altri membri del settore dei combustibili fossili.



Articoli correlati

Auto e camion bruciano quasi la metà dell’olio di palma utilizzato in Europa

Una analisi apparsa in uno studio della Commissione europea ha rivelato che l’impatto sul clima del biodiesel ricavato dall’olio di

Cambiamento climatico: 10 cose da sapere sulla Cop21 di Parigi

Earth Hour ha stilato una mini guida alla Cop21, la conferenza dell’ONU sui cambiamenti climatici che si terrà a Parigi

La strategia europea sulle energie rinnovabili potrebbe danneggiare le foreste e il clima: l’avvertimento degli scienziati

I maggiori scienziati del clima hanno denunciato la decisione dell’UE di spingere sull’utilizzo della legna come fonte di energia “rinnovabile”.