Fotovoltaico, 94mila nuovi posti di lavoro in Europa in 4 anni

Fotovoltaico, 94mila nuovi posti di lavoro in Europa in 4 anni

Nel 2016, il settore fotovoltaico nell’Unione Europea a 28 ha dato lavoro a più di 81 mila dipendenti equivalenti a tempo pieno (Fte) e ha generato un valore aggiunto (Gva) pari a oltre 4.600 milioni di euro. Questo nonostante il settore sia stato messo alla prova in termini di capacità installata e fatturato a partire dal biennio 2011-12 data in cui si è iniziato a registrare un calo della nuova potenza installata rispetto agli anni del boom (2007-2011). Lo attesta il nuovo report “Solar PV Jobs & Value Added in Europe” pubblicato da SolarPower Europe Association, organizzazione che rappresenta in Europa le aziende, i professionisti e tutti i soggetti che lavorano lungo la catena del valore del solare fotovoltaico.

Ambiente, clima e lavoro: un’alleanza a somma positiva

81 mila dipendenti equivalenti a tempo pieno (Fte), circa tre volte tutti i dipendenti di Eni nel mondo, e un valore aggiunto (Gva) pari a oltre 4.600 milioni di euro, sono i numeri del settore fotovoltaico nell’Unione Europea a 28 per il 2016. I dati parlano chiaro, il settore genera occupazione e dà ossigeno all’economia.

Il fotovoltaico sta dimostrando di poter essere una delle strade più promettenti per trovare soluzioni non solo ai problemi legati al cambiamento climatico e all’inquinamento ma anche a quelli del lavoro e della crescita economica.

I posti di lavoro diretti e indiretti creati dall’industria del fotovoltaico nell’Europa a 28 e le previsioni per il 2021 (Fonte: SolarPower)

Dal 2018 è attesa una nuova crescita dei posti di lavoro nel fotovoltaico

Fino al 2011-2012, in Europa si era assistito a uno sviluppo veloce e consistente del fotovoltaico. Nel 2008, il settore impiegava circa 250 mila dipendenti e generava un Gva pari a 15.700 milioni di euro. Una crescita costante che si è interrotta negli anni seguenti ma che SolarPower ritiene riprenderà vigore dal 2018 in poi. Entro il 2021, infatti, si stima che il settore toccherà i 174.700 occupati a tempo pieno per un valore di 9.500 milioni: un aumento rispettivamente del 145 e del 105 per cento rispetto ai valori registrati dai due indici nel 2016.

Andamento e previsioni elaborati dalla SolarPower Europe Association della capacità cumulata installata (MW) nell’Europa a 28 (Fonte: SolarPower)

Previsioni dunque ottimistiche che riflettono le attuali condizioni di mercato, in particolare gli effetti positivi dovuti a una riduzione dei costi dei sistemi solari fotovoltaici che non ha raggiunto ancora i minimi in Europa oltre a una crescita della domanda di energia pulita sempre più dinamica.

I posti di lavoro diretti e indiretti che la crescita del fotovoltaico porterà nel mercato del lavoro dell’Europa a 28 tra il 2016 e il 2021 (Fonte: SolarPower)

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
fotovoltaicoimpattilavorosolare

Articoli correlati

La Banca Mondiale non finanzierà più petrolio e gas a partire dal 2019

Basta soldi per cercare petrolio. La Banca Mondiale dal 2019 non finanzierà mai più attività di esplorazione e produzione di

Automobili green: ecco il futuro

Mentre l’Italia riconosce di essere in ritardo su emissioni zero e idrogeno (parola dello stesso ministro Graziano Delrio), tirando fuori

Bank of England: enorme rischio finanziario per chi investe in combustibili fossili

La Banca d’Inghilterra ha fatto sapere che le compagnie di assicurazione sono a elevato rischio di sofferenza se le loro partecipazioni