Haiti sceglie l’elettricità pulita al 100%

Haiti sceglie l’elettricità pulita al 100%

Le rinnovabili ad Haiti sono l’occasione di rinascita per un territorio devastato dai fenomeni naturali. L’isola nell’estate 2004 era stata colpita dall’uragano Jeanne, nel gennaio 2010 un terremoto di magnitudo 7.0 aveva distrutto buona parte di Haiti e provocato oltre 200mila vittime. Come se non bastasse a ottobre il passaggio dell’uragano Matthew ha portato un’altra volta devastazione e vittime. Oggi l’isola vive in uno stato di emergenza umanitaria.

Rinnovabili per ricostruire il paese

Un anno fa, nessuna delle persone che vivevano a Môle-Saint-Nicolas, Haiti, aveva l’elettricità. A fine primavera 2016 la città era riuscita ad avere una nuova rete elettrica che ora è alimentata a combustibili fossili, ma ben presto funzionerà solo con energia solare ed eolica. Il merito è di una startup locale, la Sigora International, che in sei mesi ha ricostruito da zero l’intera rete elettrica di questa cittadina di 5mila persone.

Una micro-utility con nove micro reti per le sue comunità

Intorno Môle-Saint-Nicolas, la Sigora International sta costruendo una rete elettrica che dovrà dare energia a nove comunità. Ogni comunità vedrà la costruzione di una propria rete ma la generazione di energia rinnovabile sarà collocata tutta in un’unica area. In questo modo, spiega Andy Bindea, fondatore e presidente della startup, “Saremo in grado di operare e mantenere l’impianto in buone condizioni garantendo una presenza 24 ore su 24 del personale che si occupa della manutenzione in un’unica area piuttosto che in nove posti diversi. Questo ci permetterà di mantenere basso il costo del solare per unità installata”. Ma, allo stesso tempo, il fatto che ogni paese abbia una propria rete permetterà di lavorare in modo indipendente su ognuna quando necessario, rendendo il sistema elettrico più resistente anche in caso di calamità.

Il sistema è stato definito dalla stessa Sigora di “micro-utility”. A differenza dei sistemi di micro-reti, questo sistema mette insieme diverse micro-reti che, collegate a una fonte centralizzata di alimentazione, pur se su scala molto più piccola rispetto ad una tradizionale utility, produce energia più conveniente di circa il 33 per cento rispetto a quanto potrebbe realizzarsi attraverso una tipica micro-rete.

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
elettricitàrinnovabili

Articoli correlati

Profondo nero. Il viaggio del carbone dalla Colombia all’Italia: la maledizione dell’estrattivismo

“Profondo Nero” racconta la rotta del carbone dalla Colombia all’Italia e i pesanti effetti causati sul Paese latino-americano dalla maledizione

Efficienza, Fer, smart city e smart grid: per la crescita ci vuole integrazione

Dalla redazione di Canale Energia, articolo scritto da Monica Giambersio. Il ruolo sempre più rilevante che investimenti in energie rinnovabili,

Cambiamenti climatici: dopo Google, anche la BP lascia gli scettici dell’ALEC

La BP ha annunciato l’intenzione di non fare più parte dell’American Legislative Exchange Council (ALEC), la controversa coalizione di società e legislatori che attivamente