L’eolico offshore potrebbe rimpiazzare la centrale nucleare di Hinkley nel Regno Unito senza spendere di più

L’eolico offshore potrebbe rimpiazzare la centrale nucleare di Hinkley nel Regno Unito senza spendere di più

La Gran Bretagna potrebbe rottamare la centrale nucleare da 18 miliardi di sterline (23 miliardi di dollari) di Hinkley Point e, con un investimento grossomodo identico, ottenere la stessa quantità di energia elettrica grazie a turbine eoliche offshore.

Questa è la valutazione di Bloomberg New Energy Finance (Bnef) a seguito della decisione del primo ministro Theresa May di rivedere se procedere con la prima nuova centrale atomica dopo tre decenni. Per gli stessi costi di capitale, l’UK potrebbe installare circa 830 nuove turbine in mare, che genererebbero 25 terawattora all’anno, la stessa quantità di potenza che produrrebbero i reattori di Hinkley, almeno secondo i ricercatori londinesi.

I risultati aggiungono nuova linfa al dibattito su se la proposta di Electricité de France SA (Edf) sia davvero appropriata dal punto di vista economico. Grazie alla caduta di costo delle turbine eoliche offshore, gli sviluppatori guidati dalla Dong Energy A/S in Danimarca sottolineano come il modo migliore per ottenere energia senza produrre emissioni che causano il riscaldamento globale sia utilizzare energie rinnovabili.

“Se avessimo 18 miliardi da spendere oggi, potremmo costruire 5,7 gigawatt di energia eolica offshore, quasi il doppio della capacità e lo stesso livello di potenza di Hinkley Point”, ha detto Keegan Kruger, analista per Bnef.

wind-cost-UK-Hinkley

La valutazione di Bnef comprende solo il costo del capitale utilizzato per erigere i vari moduli per la generazione dell’energia, non le spese operative o il prezzo del carburante. Evita anche la questione di ciò che sarebbe da investire nel creare un sistema di stoccaggio su scala gigante in grado di compensare la potenza erogata dalle fonti rinnovabili quando il sole non splende e il vento non soffia.

“Hinkley Point C è competitivo con tutte le altre forme di produzione di energia elettrica a basse emissioni di carbonio”, ha affermato un portavoce di Edf. “Il prezzo di 92,50 sterline per megawatt-ora prodotto da Hinkley Point è da mettere a confronto ad una media di 123 sterline per megawattora relativa ai sistemi delle rinnovabili nei prossimi anni 2020, senza includere i costi aggiuntivi della loro intermittenza. Recenti contratti sull’eolico offshore sono stati concordati a una media di 137 sterline per megawatt-ora”.

Fonte: Bloomberg

Data: Agosto 2016

Leggi l’articolo in inglese



Articoli correlati

I costi sociali del carbonio: implicazioni per modernizzare il nostro sistema elettrico

Nell’articolo si calcola il costo ambientale (cent$/kWh) delle emissioni di CO2 legate alla produzione di combustibili fossili; il valore viene

Le nostre case: 1 su 5 è in pessime condizioni per efficienza energetica

Sono più di 2 milioni le case italiane in mediocre o pessimo stato di conservazione. Una situazione che penalizza anche

Come perdere 500 miliardi di euro

I produttori di energia elettrica in Europa devono affrontare una minaccia esistenziale. Il 16 giugno 2014 è accaduto un avvenimento