Il mercato dell’energia si apre alle rinnovabili: arrivano i contratti di lungo termine per la fornitura di energia fotovoltaica

Il mercato dell’energia si apre alle rinnovabili: arrivano i contratti di lungo termine per la fornitura di energia fotovoltaica

I contratti di lungo termine per le rinnovabili, che in gergo tecnico sono definiti Power purchase agreement (Ppa), finalmente fanno il loro ingresso anche in Italia. A inaugurare questo evento storico per il settore delle rinnovabili sono due società straniere, la società energetica francese Engie che fornirà energia fotovoltaica agli stabilimenti situati in Italia della società austriaca Weinerberger che opera nel settore del laterizio.

La Strategia Energetica Nazionale prevede la possibilità di stipulare contratti di lungo termine per la vendita di elettricità da impianti fotovoltaici di grande taglia, mentre per i piccoli impianti rimane la strada dell’autoconsumo.

Che cosa sono i contratti di lungo termine

I contratti Ppa, o contratti bilaterali, più diffusi sono quelli virtuali, così definiti perché l’energia rinnovabile generata dall’impianto non è fornita direttamente e fisicamente all’acquirente, ma passa attraverso la rete elettrica di distribuzione. In questo tipo di contratti bilaterali di vendita dell’energia le parti sono normalmente due: il produttore e un grossista. In questo caso, poiché il fotovoltaico ha una produzione intermittente, chi compra energia elettrica prodotta da impianti solari, per garantirsi una certa flessibilità, dovrà acquistare l’energia tramite un grossista.

Le cose cambiano se invece si considera il caso di un Ppa in linea diretta. In tale situazione i contratti sono stipulati direttamente fra il produttore di energia e il consumatore. Nella linea diretta non si passa attraverso la rete pubblica, e il back-up per colmare eventuali mancanze di produzione da parte dell’impianto fotovoltaico il cliente lo avrà con la rete elettrica di distribuzione.

Un accordo storico

Il gruppo energetico francese Engie ha siglato un accordo per rifornire con energia generata da impianti fotovoltaici i quattro stabilimenti di laterizio che la multinazionale austriaca possiede in Italia. Il contratto durerà 5 anni, dal 2018 al 2022, con un prezzo stabilito e applicato all’intera durata del contratto.

“Siamo orgogliosi di essere il primo operatore in Italia ad aver firmato un contratto di ‘Green Ppa’ che collega virtualmente i nostri impianti di produzione al cliente finale”, ha detto Olivier Jacquier Ceo di Engie Italia.

L’accordo mostra concretamente l’evoluzione del mercato dell’elettricità verso accordi di lungo periodo, indipendentemente dalla volatilità del mercato, a beneficio sia del consumatore finale sia dei produttori di energia rinnovabile.

“Lo sviluppo dei Ppa, con una durata crescente, porterà un contributo fondamentale al raggiungimento di ambiziosi obiettivi nazionali ed europei per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili”, ha aggiunto Jacquier.

Fonte: Lifegate

Data: Marzo 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
rinnovabili

Articoli correlati

Auto elettriche: un 2015 in netta crescita per le vendite mondiali

Oltre mezzo milione di auto elettriche e altri veicoli plug-in sono stati venduti nel 2015 in tutto il mondo. Le

Un futuro senza carbone per il principale produttore elettrico australiano

Il più grande produttore australiano di energia elettrica si è impegnato a chiudere le proprie centrali a carbone entro 35

La vera notizia dal G7: l’era di carbone e petrolio finirà nel 2100

“Sono necessari tagli profondi alle emissioni di gas serra per una decarbonizzazione dell’economia globale durante questo secolo”. No, queste parole