Il 50% dei nuovi impianti entrati in funzione nel 2014 è alimentato con rinnovabili

Il 50% dei nuovi impianti entrati in funzione nel 2014 è alimentato con rinnovabili

L’input è chiaro: ridurre drasticamente le emissioni di CO2 nei prossimi decenni se non vogliamo affrontare un aumento di catastrofi naturali. Se non viene invertita la rotta le temperature saliranno entro la fine del secolo a livelli tali da innescare effetti climatici che gli scienziati valutano irreversibili.

Non tutto è perduto, i segnali di un cambio di direzione, anche se non sufficiente ci sono, di fatto la transizione da un’economia alimentata a carbone, gas e petrolio a una a fonti rinnovabili e a basse emissioni di carbonio è già iniziata.

Le stime dell’Agenzia Internazionale dell’Energia

In base ai dati del World Energy Outlook 2015, le fonti rinnovabili sono oggi la seconda maggiore fonte di energia elettrica dopo il carbone nell’ambito dei 28 paesi considerati dall’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA). Ma non solo, l’energia verde ha i presupposti per superare il carbone come principale fonte di produzione di energia elettrica già a partire dal 2030.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia la metà di tutte le nuove centrali elettriche costruite lo scorso anno sono alimentate a fonti rinnovabili e questo, secondo la IEA, è uno dei “chiari segnali che una transizione energetica è in corso”.

Entro il 2040, l’Unione europea dovrebbe generare da fonti rinnovabili il 50 per cento della sua elettricità, Cina e Giappone dovrebbero raggiungere il 30 per cento, mentre Stati Uniti e India prevedono di superare il 25 per cento.

Il declino del carbone

Il numero di progetti di centrali a carbone annullati in tutto il mondo ha superato quelli portati a termine, con un tasso di due a uno dal 2010. E’ quanto riportano Sierra Club e CoalSwarm, due gruppi che stanno monitorando dal 1° gennaio 2010 l’andamento di 3.900 impianti.

Secondo i dati del World Resources Institute, nel 2012 erano in progetto 1.199 nuove centrali elettriche a carbone, con una capacità totale di 1.401 gigawatt. I nuovi dati indicano che nel 2014 il numero di progetti si è ridotto del 23 %, per un totale di 1.083 gigawatt di nuova capacità di impianti a carbone.

È tempo di agire

I lavori della Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima (COP21) di Parigi sono iniziati, un numero crescente di aziende e di paesi si sono impegnati a ridurre le proprie emissioni, ma i trend di innalzamento delle temperature a livello globale non sembrano arrestarsi, al contrario puntano verso livelli insostenibili.

Anche se i paesi metteranno in atto gli impegni dichiarati per ridurre le emissioni di carbonio, le temperature medie saliranno del 2,7 gradi Celsius entro il 2100, secondo i dati di Climate Action Tracker citati da Bloomberg. Scenari piuttosto allarmanti, visto che gli scienziati prevedono che un aumento della temperatura al di sopra dei 2 gradi Celsius modificherà il Pianeta in modo radicale, determinando lo scioglimento dei ghiacciai, l’aumento del livello del mare e altre conseguenze ancora più estreme ma meno prevedibili.

“Il settore energetico, principale fonte di emissione di gas serra, deve essere al centro dell’azione globale per affrontare il cambiamento climatico”, ha detto Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia. “I leader mondiali riuniti a Parigi devono stabilire una chiara direzione per accelerare la transizione energetica a livello globale”.



Articoli correlati

La ricetta dell’Agenzia Internazionale dell’Energia per salvare il clima

Fermare i sussidi alle fonti fossili, favorire gli investimenti a favore delle rinnovabili e la diffusione dell’efficienza energetica. Ma anche

Emergenza inquinamento aria: intervista con Edoardo Croci

Inquinamento aria, è emergenza. Servizio del TG2 con un’intervista a Edoardo Croci, professore di economia ambientale all’Università Bocconi di Milano.  

7 milioni di morti premature all’anno per inquinamento dell’aria

L’ultimo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rileva che nel 2012 sono morte circa 7 milioni di persone  – 1 su